Notturno

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Febbraio 2013 15:44 Scritto da Claudio Domenica 17 Febbraio 2013 12:46

Luna pallida runa

bruma di notti

e cotte

e botte

che al cuor non si comanda

e sigarette

accese e

spente

al vento inesistente

insistente

ossessione ardente

sollievo suadente

di parole

accennate

eluse

di muse

vanitose e,

ottuse biascicate

scuse

speranze

disilluse

da luna

pallida e bruna

runa di amore e fortuna

di miseria e sventura

 

Respiro

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Giugno 2011 11:55 Scritto da Claudio Mercoledì 01 Giugno 2011 23:35

Tra battere e levare di sospiri
la vita si contempla trepidante
sul ciglio del dormire accoccolata

Così ogni notte ti abbandoni schiva
all'animoso artefice dei sogni
nel tuo universo lirico sedotta

Al vagheggiare ingenuo e affaccendato
tra le vestali amiche dei pensieri
e il soffice tepore dei ricordi

risponderanno orfani i tuoi sguardi
coi loro gemiti umidi e tremanti
estranei per un attimo e smarriti

tra gl'intimi rivolti del cuscino
dai loro stessi aneliti traditi
trasfigurati e nuovi nel mattino
   

Passaggi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Venerdì 01 Ottobre 2010 13:01 Scritto da Claudio Venerdì 01 Ottobre 2010 12:49

Sorrisi sfiniti nell'ansia di stupire
si congedano impazienti
di essere già creduti, già capiti

Cosa sospinge
lo scricchiolante circo dei pensieri
vivace e suadente come nuovo
tra precarie evoluzioni
e il fragore di voci e di risate?

Sceglieremo di cadere
dibattendoci e imprecando,
come abili teatranti
nella parte degli eroi

E ne varrà la pena?
Tra vertiginosi paesaggi
e il nauseante ribollire dei colori
il vellicare la mente dei sospiri,
solo,
a confortare i giorni
lasciati alle spalle
   

Notte

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Giovedì 05 Agosto 2010 13:56 Scritto da Claudio Giovedì 05 Agosto 2010 13:20

Il manto della notte
avvolge il tuo respiro
tra i chiaroscuri della seta,
e impercettibili palpiti
percorrono le dita
risalendo fino a spezzare il fiato

E ancora si confondono
labbra socchiuse
a trattenere cupide
ogni alito di voce

Tra distese di pelle
tormentate e assolte
si disperdono anche gli ultimi sospiri
per ricordarci allora
quel che eravamo stati
quel che saremo ancora
   

Racconto senza titolo :-) (parte 2/2)

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Martedì 11 Maggio 2010 11:59 Scritto da Claudio Lunedì 10 Maggio 2010 18:29

passeggiata notturna, notte, città

Mantenne l'andatura costante e appesantì il passo, cercando così di mascherare l'ansia che quella presenza inaspettata gli ingenerava, intromettendosi, con ogni probabilità casualmente, in un rituale intimo e riservato. Quando era cominciato tutto ciò? Non lo ricordava con esattezza. Forse mesi prima, forse addirittura anni. Lo rassicurava la mancanza di un riferimento puntuale che potesse datare con precisione l'origine dei suoi comportamenti. Lo rassicurava come una fede che con assiomatica certezza affonda le proprie radici tra le profondità indefinite del tempo riconoscendosi, infine, senza timore di smentita nè spiegazione alcuna, Verità.

Credeva che il ripetere meccanicamente gli stessi gesti, le stesse azioni (persino gli stessi pensieri, se mai ne fosse stato capace) lo potesse portare a cristallizzare la propria esistenza, cogliendola finalmente nella sua compiutezza, allorché essa si fosse palesata nell'evidente aspetto di impurità tra la perfezione reticolare del mondo. O perlomeno così aveva visualizzato l'intera faccenda.

   

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

SEO by AceSEF
Notizie
Autenticazione



Esempio sondaggio